Cipro tassa i depositi bancari

Non ci sono dubbi a questo proposito: la zona euro ha attraversato una zona da cui Ŕ difficile tornare indietro. La decisione di presentare un piano di salvataggio da 10 miliardi di euro da parte di Cipro, subordinata ad una tassa una tantum sui depositi bancari, fa entrare la zona euro in un nuovo territorio inesplorato. Sotto la minaccia di una bancarotta nazionale, il governo cipriota si Ŕ impegnato a introdurre una tassa del 10% su tutti i depositi bancari superiori a 100.000 euro che sono detenuti nelle banche cipriote, a cui si aggiunge una tassa del 6% su tutti i depositi al di sotto di tale somma di denaro. La zona euro sta rompendo il tab¨ finale, quello del sistema finanziario.

Nelle prime fasi della crisi la soluzione preferita della zona euro per affrontare i problemi del debito del continente era quella di dare ai governi i soldi per uscire fuori dai guai. Nel corso del tempo, dato che il peso del debito Ŕ aumentato a dismisura, questo approccio Ŕ stato in parte abbandonato.

á

In Grecia, una parte del carico del debito Ŕ stato spostato sui detentori dei titoli di Stato ellenici, in Spagna, Irlanda e Paesi Bassi le perdite sono state date agli obbligazionisti. In ciascuna di queste occasioni il settore finanziario ha detto, ad alta voce, che l'imposizione di eventuali perdite agli investitori avrebbe fatto aumentare il rischio di contagio e di crollo dell'euro. Eppure, ogni volta, l'euro Ŕ sopravvissuto. Ora che la zona euro ha fatto un passo avanti, imponendo le perdite sui depositanti, ci sono nuovi avvertimenti di una “fine” della nostra valuta.

á

La realtÓ Ŕ diversa, dato che la decisione di applicare una tassa sui depositi bancari pu˛ essere uno shock per molti, ma non Ŕ venuta fuori come una nuvola a ciel sereno, dato che se ne era ampiamente discusso a livello nazionale ed internazionale.

á

La cosa che non cambia Ŕ che la zona euro si trova ad affrontare nuove incertezze.

Altre News Correlate

Zona euro, ancora non si vede la luce alla fine del tunnel

Un'indagine preliminare compiuta sulla zona euro ha messo in evidenza ...

Prestiti per i giovani, le richieste sono in aumento

Aumentano le richieste di prestiti e di finanziamenti da parte ...

Moody's non Ŕ preoccupata della situazione politica italiana

Sappiamo che Mario Monti, qualche giorno fa, ha deciso di ...

Prestiti aziendali, il 38% sono a breve termine

I prestiti per le imprese italiane sono sempre a pi¨ ...

Italia ed effetti delle elezioni

Gli elettori italiani hanno sganciato una “bomba politica” sul resto ...

Cerca Finanziamenti

Novara, Via Carotti Attilio, 1, 28100 Tel: 0321613905
Mercato San Severino, Via Carifi, 999, 84085 Tel: 089820215
Silanus, 3, Via Stazione, 08017 Tel: 078584322
Savogna, 58, Via Kennedy, 33040 Tel: 0432714200