Mario Draghi spinge verso un supervisore bancario

Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha detto che è "imperativo" che i leader europei facciano presto per creare un nuovo ente che abbia i poteri di ristrutturare le banche in difficoltà, al fine di aiutare la regione a lasciarsi alle spalle la crisi economica e finanziaria. Draghi ha affermato che questa nuova agenzia dovrebbe aiutare le banche in difficoltà e mantenerle lontano dal gravare i governi attraverso dei costi di salvataggio, riducendo quindi il legame vizioso che ha portato ad una salita e crescita della crisi europea.

L'agenzia sarebbe in grado di costringere i creditori e gli azionisti delle banche a prendere, in primo luogo, le perdite, quando una banca dovesse andar male (invece che ottenere soldi dai contribuenti). I leader europei hanno promesso di parlare di un rafforzamento del sistema bancario, accettando di mettere la BCE come entità responsabile della supervisione delle banche, anche se al momento non hanno ancora trovato un accordo su come poter procedere.

 

Mettere la BCE come responsabile della vigilanza bancaria sarà il primo passo che aprirà la strada verso l'eliminazione del legame tra le banche e i rispettivi statisovrani, ma, per recidere questo legame del tutto, è indispensabile creare un meccanismo unico di risoluzione.

 

I timori che le banche hanno aiutato con la crescita della crisi sono reali, dato che i governi hanno dovuto spendere delle enormi somme di denaro per salvare gli istituti di credito, cosa che ha portato ad accumulare ancora più debito sui governi.

 

Dal momento in cui diventerà un supervisore bancario europeo, la BCE avrà anche il potere di intervenire sulle licenze delle banche.

 

L'idea ha, per il momento, incontrato le prime resistenze, nello specifico da parte della Germania, la più grande economia della zona euro, con il ministro Wolfgang Schaeuble che ha affermato che una tale autorità alla BCE richiederebbe delle modifiche al trattato fondamentale che disciplina l'UE, cosa che potrebbe richiedere anni.

Altre News Correlate

Gli italiani chiedono prestiti per pagare i debiti

Secondo un rapporto che è stato di recente pubblicato da ...

Italia, la disoccupazione è il primo problema

La disoccupazione è uno dei maggiori problemi che occorre risolvere ...

Zona euro, ancora non si vede la luce alla fine del tunnel

Un'indagine preliminare compiuta sulla zona euro ha messo in evidenza ...

Italia ed effetti delle elezioni

Gli elettori italiani hanno sganciato una “bomba politica” sul resto ...

Prestiti e mutui, in calo le richieste

Scendono le concessioni di prestiti e di mutui per i ...

Cerca Finanziamenti

Bari, Via Lembo, 38/C/D/E, 70124 Tel: 0805968496
Porano, 13, Corso Vittorio Emanuele Ii, 05010 Tel: 0763374619
Trecasali, Via Don G. Parma, 2, 43010 Tel: 0521878941
Roseto Degli Abruzzi, Via Triboletti, 9, 64026 Tel: 0858930400