Mutui a tasso fisso e tasso variabile: le differenze

Accendere un mutuo significa contrarre un prestito e dover pagare sulle somme richieste un tasso di interesse. Le due principali tipologie di tasso d’interesse sono il tasso fisso e il tasso variabile.

Accendere un mutuo significa contrarre un prestito e dover restituire la somma erogata maggiorata degli interessi. L'interesse rappresenta il prezzo da pagare per aver accesso al credito ed è espresso in percentuale.

 

Esistono due tipologie di mutuo tra cui si può scegliere: mutui a tasso fisso e mutui a tasso variabile. Le ulteriori tipologie (mutui a tasso misto, variabili con cap) non sono altro che varianti di queste prime ed essenziali forme di prestito.

 

Il tasso variabile muta in relazione all'andamento del mercato, è indicizzato in base all'Euribor o al tasso BCE. Il primo è il tasso interbancario di offerta in euro. In buona sostanza è il tasso a cui le banche si prestano il denaro, mentre il secondo, il tasso BCE, viene deciso dalla Banca Centrale Europea, è meno volatile e rispecchia più fedelmente le condizioni di mercato.

 

Invece, ad esempio, Intesa San Paolo propone un mutuo a tasso fisso: un mutuo a tasso fisso non varia per tutta la sua durata ed è indicizzato all'IRS. Ha il vantaggio di garantire chi lo sottoscrive da eventuali rialzi del mercato e permette una migliore pianificazione e calcolo del piano di ammortamento del mutuo.

 

In entrambi i casi, il tasso che verrà applicato non è solo il frutto dell'andamento dell'indice di riferimento (IRS, Euribor, BCE che sia), ma è anche il risultato dello spread applicato. Con condizioni contrattuali a parità, il mutuo più conveniente sarà quello in cui la Banca esige uno spread minore.

 

Tuttavia il TAEG (tasso annuo effettivo globale) è un concetto più complesso del semplice tasso di interesse reclamizzato, perché si deve tener conto anche di altre condizioni contrattuali, che inevitabilmente incideranno sul costo del mutuo.

 

La scelta del tipo di mutuo da sottoscrivere è molto soggettiva, ma dipende anche da valutazioni sul mercato di riferimento e dalla durata del prestito. E' necessario dunque cercare informazioni sui migliori mutui in portali dedicati, come il sito mutui.com e valutare i preventivi più interessanti ed economici.

 

E' evidente che in condizioni di bassa inflazione e per durate di mutuo inferiori può esser più conveniente sottoscrivere un mutuo a tasso variabile anziché fisso. Tanto più che si potrà sempre rinegoziare il finanziamento concesso, prevedendo persino la surroga ad uno a tasso fisso se più conveniente.

Altre News Correlate

Findomestic e Peugeot si accordano

Peugeot e Findomestic trovano un accordo per la concessione di ...

Aumentano le richieste di prestiti per i matrimoni

Il matrimonio, si sa, è una cerimonia che costa sempre ...

Cipro è un grande problema per Mario Draghi

I prossimi giorni saranno cruciali per l'Europa, con Cipro che ...

Provincia di Spoleto, pronti i finanziamenti a tasso zero

I finanziamenti sono vita per le imprese. Con essi le ...

In media servono 23 anni per poter acquistare una casa

Il mercato dei mutui è sicuramente uno di quelli che ...

Ben Bernanke, gli effetti del suo discorso

Il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke ha concluso con ...

Cerca Finanziamenti

Primolano, Piazza S. Rocco, 1, 36020 Tel: 0424433838
Treviso, Via Le Canevare, 16, 31100 Tel: 04221835108
Piegaro, 7, Via Roma, 06066 Tel: 075839556
Villanuova Sul Clisi, Via Giuseppe Zanardelli, 79, 25089 Tel: 0365374223