Italia: in calo le richieste di mutui

In Italia, a causa della crisi, si sta registrando un trend decisamente preoccupante: i mutui sono in calo, sia come richieste che come accettazione da parte delle banche. Le condizioni per poter accedere ad un finanziamento cosý importante per acquistare una casa sono dunque decisamente cambiate rispetto a qualche tempo fa, soprattutto per chi fa un lavoro “particolare”, come gli autonomi.

Purtroppo nel nostro paese la crisi sta facendo segnare un incremento anche delle famiglie che hanno dei livelli di debito eccessivi. Ad oggi sono 60.000 le famiglie italiane che non riescono a far fronte al proprio sostentamento, circa lo 0,6% del totale delle famiglie italiane. Il 90% di tali famiglie a basso reddito denunciano al fisco un reddito inferiore alla media nazionale.

á

In aggiunta vi sono anche le famiglie pesantemente indebitate, pari all'1,2% del totale delle famiglie italiane, che invece hanno difficoltÓ a pagare i debiti che sono stati contratti in passato, sia in termini di mutui che di prestiti. In questo caso a fare la differenza, secondo un report della Banca d'Italia, Ŕ il ritardo nel rimborso di un finanziamento. Nello specifico, la maggior parte delle famiglie con forti problemi di indebitamento hanno dei ritardi di 90 o pi¨ giorni nel rimborso di un finanziamento. Tali famiglie arrivano, inoltre, con grandi difficoltÓ alla fine del mese.

á

Il calo delle richieste di finanziamenti vale di pi¨ per i mutui, ma anche nel settore dei prestiti la situazione non Ŕ rosea. Ci sono sempre pi¨ famiglie che non fanno domanda di finanziamenti di qualunque genere o che non vi riescono ad accedere.

á

Infine, chiudiamo dicendo che nel 2011 le erogazioni di mutui casa sono state inferiori rispetto al 2010 (anno in cui c'era stata una lieve espansione rispetto al 2009) e si prevede che nel 2012 saranno ancora inferiori. La causa Ŕ anche legata alle condizioni pi¨ restrittive da parte delle banche, che hanno incrementati i margini richiesti per la media dei prestiti, sia quelli pi¨ rischiosi che non.

Altre News Correlate

Italia, metÓ dei disoccupati ha meno di 35 anni

Il problema della disoccupazione Ŕ sempre stato uno dei maggiori ...

Combattere i rincari con i prestiti on line

I prestiti on line, ovvero la possibilitÓ di richiedere dei ...

Aumento IVA, si farÓ

IVA si, IVA no. In questi giorni i partiti politici ...

Italia, la disoccupazione Ŕ il primo problema

La disoccupazione Ŕ uno dei maggiori problemi che occorre risolvere ...

Findomestic e Peugeot si accordano

Peugeot e Findomestic trovano un accordo per la concessione di ...

Prestiti: aumentano gli interessi per l'aumento dei tassi

Gli interessi su prestiti e finanziamenti continuano ad aumentare sensibilmente. ...

Cerca Finanziamenti

Banzi, Snc, Via Massimo D'Azeglio, 85010 Tel: 0971947195
Roma, Via Civinini Filippo, 69, 00197 Tel: 068081456
Elice, Via Rocco Terenzio, 4, 65010 Tel: 0859609148
Rosignano Solvay, Via Repubblica, 118, 57016 Tel: 058679511