In Italia aumentano le richieste di prestiti inferiori a 5.000 euro

Una delle conseguenze più gravi legate alla crisi economica che ha colpito il mondo e, dunque, anche il nostro paese, è sicuramente legato al mondo dei prestiti. Con la crisi, infatti, sono sempre di meno le persone che richiedono prestiti o, addirittura, mutui. Una delle motivazioni che porta a questo comportamento è sicuramente legata al fatto che si ha paura del futuro e dunque non ci si vuole impegnare in qualche cosa di impegnativo, come un finanziamento.

Secondo delle analisi rilasciate dal Crif, la più grande banca dati di prestiti e finanziamenti in Italia, sembra che i nostri connazionali abbiano chiesto, lo scorso mese di settembre, il 6% dei prestiti in più rispetto ad agosto. Un dato che va in netta controtendenza e che potrebbe far sperare in qualche cosa di buono, anche se è più probabile che questo aumento sia solo un caso. Guardando il lato dell'importo richiesto a finanziamento, la media si muove attorno ai 5.000 euro, in netto calo rispetto al passato.

 

Cosa ci indicano questi numeri? Presumibilmente le banche stanno stringendo meno le condizioni di accesso al credito, dunque sono di più le famiglie che possono fare domanda di un prestito, soprattutto per i finanziamenti di piccole dimensioni, noti come piccoli prestiti.

 

Relativamente alla durata, il Crif mette in evidenza come la maggior parte dei finanziamenti abbia una durata di rimborso superiore ai 5 anni, cosa abbastanza ovvia dato che allungando la durata si abbassa la rata mensile da rimborsare.

 

Oltre a questa fascia, ovvero fino ai 5.000 euro, è possibile vedere come abbastanza richiesti anche i prestiti da 5.000 euro fino a 20.000 euro. Al di sopra di queste cifre, il numero di richieste cala in maniera considerevole.

 

Anche l'analisi del richiedente medio è decisamente chiara: lavoratori a tempo indeterminato con età tra 35 e 44 anni. Questa è una delle cose che va in maggior controtendenza in Italia: aumentano i lavoratori a tempo determinato, per i quali però è più complesso poter avere accesso ad un finanziamento.

Altre News Correlate

Italia, la disoccupazione è il primo problema

La disoccupazione è uno dei maggiori problemi che occorre risolvere ...

Il G7 e il problema della regolamentazione bancaria

Il gruppo di ministri delle finanze e di banchieri centrali ...

Eurozona, ecco cosa potrebbe accadere nel 2013

Secondo alcuni la zona euro è sopravvissuta al 2012, ma ...

Compass propone in offerta Cifra Tonda

Compass, una delle maggiori società finanziarie in Italia, offre il ...

Ben Bernanke, gli effetti del suo discorso

Il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke ha concluso con ...

Coldiretti: il costo della benzina è troppo alto

Secondo delle considerazioni che arrivano direttamente da Coldiretti, che ha ...

Cerca Finanziamenti

Cesena, 35, Via Federico Fellini, 47522 Tel: 0547330712
Mariano Del Friuli, 30, Via Alessandro Manzoni, 34070 Tel: 048169670
Bergamo, Via Corridoni Filippo, 53, 24124 Tel: 035340039
Arese, Via Matteotti Giacomo, 36, 20020 Tel: 029345401