L'UE dà a Spagna e Francia più tempo per risolvere la crisi

La Commissione europea proporrà di dare alla Spagna, alla Francia e a molti altri della zona euro altro tempo per tagliare il proprio deficit pubblico al di sotto del limite obiettivo del 3 per cento del PIL. Citando delle fonti che arrivano dall'Unione Europea, la Francia potrebbe avere un anno in più, avendo così l'obiettivo di ridurre il suo deficit fiscale entro il 2014, mentre la Spagna dovrebbe avere tempo fino al 2015 o al massimo fino al 2016.

Iniziando dalla Francia, possiamo vedere che il paese vive una situazione migliore rispetto a quello di altri paesi europei e sembra non aver bisogno di ulteriori tagli alla spesa o di ulteriori tasse che graveranno sul popolo transalpino. Nonostante l'anno in più concesso ai nostri “cugini”, la Francia ha detto che prevede in ogni di raggiungere l'obiettivo di riduzione del debito entro il prossimo anno.

 

Gli obiettivi di bilancio della Spagna, paese in maggiore crisi, devono essere riesaminati nel mese di febbraio, ma molto probabilmente non saranno necessari altri sforzi di austerità almeno fino al 2014, quando ci sarà il bisogno di avere delle riforme più strutturali per far uscire definitivamente il paese fuori dalla crisi. La recessione sta minando gli sforzi dei vari governi europei, che hanno comunque l'obiettivo di mantenere il peso del debito pubblico sotto controllo.

 

Soprattutto per quanto riguarda la Spagna, il paese sta pensando ai alzare l'età pensionabile, una richiesta che il paese dovrà soddisfare quanto prima per poter avere accesso ad altri aiuti internazionali, per abbassare i costi del debito e per dare una mano alla sua economia, fortemente colpita dalla crisi economica. Nel paese iberico le 17 regioni autonome sono sulla buona strada per soddisfare l'obiettivo di disavanzo dell'1,5 per cento del PIL, mentre il governo centrale si sta dirigendo verso un deficit complessivo vicino al 5,5 per cento.

Altre News Correlate

Mutui italiani tra i più cari in Europa

I mutui del nostro paese sono tra quelli più tassati ...

Prestiti, la crisi si fa sentire

La crisi economica non si ferma e, come al solito, ...

Social lending, vantaggi e rischi

In seguito al fatto che, con la crisi economica, le ...

Eurozona in recessione, la prima volta dal 2009

I 17 paesi membri della zona euro sono caduti in ...

L'Italia e le elezioni politiche 2013

Il fine settimana appena trascorso è stato quello del voto ...

Italia: in calo le richieste di mutui

In Italia, a causa della crisi, si sta registrando un ...

Cerca Finanziamenti

Caoria, 27, Localita' Ghiaie, 38050 Tel: 0439710026
Bologna, 2, Via Dell'Indipendenza, 40121 Tel: 05121181
Oggiono, Via Lazzaretto, 10, 23848 Tel: 0341267511
Capriata D'Orba, 2, Via San Giovanni, 15060 Tel: 014346124