Allarme rischio spread BTP italiani

L’estate che si è appena conclusa sicuramente non verrà ricordata come una delle migliori per l’economia mondiale, e soprattutto per quella italiana.

 

La crisi economica che ormai da 3 anni imperversa, e non sembra attenuarsi, assomiglia sempre più a un vortice verso il basso senza fine, dove paesi con un’economia già di per se debilitata, come l’Italia, hanno comunque la peggio.

 

Il declassamento dell’Italia nel rating da parte dell’agenzia Standard and Poor’s, è una logica conseguenza, dalla quale sono già scaturite delle reazioni a catena nei mercati, ben poco piacevoli. La più discussa al momento, è senza dubbio la crescita dello Spread tra BTP e Bund tedeschi, ovvero la crescita del differenziale tra i titoli di stato italiani e tedeschi.

 

Lo Spread, tecnicamente, indica il differenziale tra il tasso di rendimento di un’obbligazione caratterizzata da un rischio di default (insolvenza) e quello di un titolo privo di rischio, come alcuni titoli di stato.

 

Se ad esempio un BTP decennale italiano con rendimento 5% e il corrispondente Bund tedesco ha un rendimento del 3% il differenziale, cioè lo Spread, sarà di 2 punti percentuali o 200 punti base (5-3=2).

 

L’allarme spred per i BTP italiani era già scattato a Luglio, quando il differenziale coi Bund era salito a circa 250 punti base, ma nelle ultime settimane la situazione si è aggravata, e col declassamento del rating dell’economia italiana, lo spread tra BTP e Bund è salito a dismisura, fino a sfiorare i 400 punti base.

 

Cosa vuol dire questo, in termini concreti? Vuol dire che il rischio d’investimento sui titoli di stato italiani è aumentato a dismisura (com’è noto rischio e rendimento in economia sono direttamente proporzionali), e l’avversione al rischio che nei periodi di crisi è sempre maggiore, ha portato gli investitori a buttarsi a capofitto sui Bund tedeschi, che sono ormai scesi da diverse settimane sotto il 2%, registrando uno spread variabile dai 3,5 ai 4 punti percentuali rispetto ai titoli italiani.

 

Il frutto di tutto ciò è l’abbandono degli investimenti azionari da parte, soprattutto, dei piccoli e medi investitori, scoraggiati dai rendimenti dei titoli italiani che purtroppo non accennano a diminuire.

Altre News Correlate

In media servono 23 anni per poter acquistare una casa

Il mercato dei mutui è sicuramente uno di quelli che ...

FMI: l'Italia a rischio di una stretta creditizia

Secondo il Fondo Monetario Internazionale il rischio per il nostro ...

Social lending, vantaggi e rischi

In seguito al fatto che, con la crisi economica, le ...

Scendono le richieste di mutui casa

I mutui casa sono fondamentali per permette a tutti di ...

Regno Unito, good bye “AAA”

Una delle notizie che ha sconvolto il mondo economico la ...

Cerca Finanziamenti

Primolano, Piazza S. Rocco, 1, 36020 Tel: 0424433838
Otranto, Via Giovanni Paolo Ii, 73028 Tel: 0836800211
Chiopris, 10, Via Nazario Sauro, 33048 Tel: 0432991288
Potenza, Via Giovanni Xxiii, 3, 85100 Tel: 097151461